Banca d’Italia ha attivato un nuovo servizio che consente ai cittadini di accedere ai dati della Centrale dei Rischi e richiedere i dati della Centrale di Allarme Interbancaria. In sostanza, in pochi clic, chiunque può scoprire quanti debiti ha.

Come conoscere i propri debiti

Il nuovo sito, Servizionline, è gratuito e protetto, accessibile utilizzando lo smartphone, il tablet o il pc. La piattaforma è integrata con il Sistema pubblico di identità digitale (Spid) e con la Carta nazionale dei servizi (Cns), ma l’accesso è possibile anche per chi non possiede un’identità digitale. Averla, comunque, conviene perché rende più rapide le procedure: non c’è bisogno di inviare ulteriore documentazione e la risposta ai propri interrogativi avviene in tempo reale. I cittadini che vogliano avere traccia della propria condizione debitoria, possono richiedere tre classi di informazioni. Il primo riguarda i “Dati nominativi della Centrale di allarme interbancaria”: si può verificare se il proprio nominativo è stato segnalato per il mancato pagamento di un assegno (perché senza fondi o senza autorizzazione) o per una carta di pagamento revocata a causa del mancato pagamento del saldo. Si possono richiedere – spiega Bankitalia – i dati relativi ad altri nominativi, se legittimato a farlo. La richiesta può essere inoltrata anche per “Dati non nominativi della Centrale di allarme interbancaria”: è una soluzione per verificare l’eventuale presenza di un blocco su un assegno (bancario, postale, circolare) o su una carta di pagamento che ne impedisce l’utilizzo. Infine, i cittadini possono conoscere i “Dati della Centrale dei Rischi”, cioè le segnalazioni che li riguardano.

Leggi anche Pmi, le tasse mangiano otto mesi di lavoro. Catania in coda

Come segnalare gli illeciti

Il servizio di Banca d’Italia, è – più in generale – un canale per rendere più fluida la comunicazione tra cittadini e sistema bancario. Oltre alle notizie sui propri debiti, infatti, il portale ha altre tre sezioni. Primo: presentare un esposto nel caso in cui si noti un comportamento scorretto nei propri confronti. La scorrettezza riguarda sia il rapporto tra banca (o altro intermediario) e cliente, sia eventuali informazioni inesatte negli archivi della Centrale di allarme interbancaria o della Centrale dei rischi. Secondo: si può inviare una segnalazione se si è a conoscenza di un illecito da parte di banche e intermediari. In modo riservato, sia che si tratti di clienti che di dipendenti dell’istituto. Terzo: l’utente può collegarsi a Servizionline per chiedere informazioni di carattere generale sul funzionamento dei servizi bancari e finanziari, ad esempio sugli strumenti di tutela attivabili dai clienti.