Quota 100 ha raggiunto quota 200 mila richieste. Lo annuncia Inps, che rende noti i dati aggiornati al 11 novembre divisi per regione e provincia in tutta Italia. Le domande di pensione sono state presentate soprattutto in Lombardia, regione più popolosa d’Italia, che supera quota 26 mila, seguita da Lazio (oltre 22 mila) e Sicilia (oltre 18 mila domande).

Palermo e Catania tra le prime dieci città

Nell’isola il numero il più alto di domande si ha a Palermo (4 mila e 800), seguita da Catania (4 mila 217) e Messina (2 mila e cento). Le due più grandi città siciliane rientrano tra le prime dieci a livello italiano, rispettivamente al quinto e settimo posto, ma ben distanziate dalle prime, ovvero Roma, che con 16 mila e 600 domande supera di tre volte il resto delle province del Lazio, Milano (10 mila e 41), Napoli (8 mila e 500) e Torino (7 mila e 700). Quota 100, anticipo pensionistico per chi ha almeno 62 anni d’età e 38 di contributi versati, dopo una iniziale marcia indietro del governo che aveva annunciato il mancato rinnovo alla scadenza nel 2021, sembra destinata a essere rivisitata ma con soglia di accesso più alta: tra le ipotesi come la cosiddetta “quota 103”, attualmente non presente nella bozza di Finanziaria.