“Si trovi un punto di incontro che non penalizzi la filiera agrumicola siciliana”. Questa la dichiarazione del Distretto Agrumi di Sicilia all’indomani dell’annuncio di Sibeg, imbottigliatore per Coca Cola in Sicilia, di un disimpegno della multinazionale sull’acquisto e l’utilizzo delle arance locali utilizzate per realizzare la bibita Fanta per risparmiare sui costi. E tutto in conseguenza della plastic tax e della sugar tax inserita in manovra di Bilancio dal governo Conte.

Leggi anche – Sibeg: “Coca Cola dà lavoro, plastic tax significa licenziamenti”

“L’azienda finora ha creduto e investito negli agrumi”

“In merito alla prospettata interruzione di approvvigionamento di succo italiano a favore di quello estero da parte di Coca-Cola – prosegue la nota del Distretto Agrumi di Sicilia – sappiamo che l’azienda ha finora sempre creduto e investito nella filiera agrumicola siciliana, come testimoniano questi anni di intensa collaborazione reciproca. Auspichiamo quindi che il governo e i produttori di trasformati che acquistano agrumi siciliani freschi o semilavorati trovino un punto di incontro che non penalizzi la filiera agrumicola siciliana, le  imprese e i lavoratori”.