Non un semplice decreto ma una “manovra di marzo”: 25 miliardi messi sul banco per limitare il contagio e l’impatto del coronavirus su famiglie e imprese. Con tutta probabilità, gli interventi non sono finiti. Altri ne arriveranno ad aprile. Ma questo è l’impianto scelto dal governo per provare a “curare” il Paese. Ecco quali sono le misure che contiene.

Lavoro

Come anticipato dalla ministra Nunzia Catalfo, una delle parti più corpose del decreto riguarda il lavoro e il sostegno all’occupazione. A questo capitolo sono destinati dieci miliardi. Serviranno per ampliare la cassa integrazione e dare una mano agli autonomi.

Cig, disoccupazione e autonomi: il Cura Italia per il lavoro

Imprese

Accesso semplificato al Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. E per finanziamenti fino a 3 mila euro basterà dichiarare di aver subito dei danni economici dall’emergenza. È una delle misure che puntano a sostenere le imprese.

Le misure per l’accesso semplificato al Fondo di garanzia per le Pmi

Fisco

Il decreto per ammortizzare gli effetti economici del coronavirus passa anche da un alleggerimento fiscale, sia per le imprese che per i singoli cittadini. Alcuni versamenti all’erario e alle casse previdenziali sono sospesi. E per le attività commerciali scattano alcuni crediti d’imposta.

Fisco sospeso e credito d’imposta: tutte le misure

Famiglie

Scuole chiuse e genitori che continuano a lavorare (anche da casa). Il decreto Cura Italia punta a sostenere le famiglie alle prese con le conseguenze delle restrizioni legate al coronavirus.

Come funzionano bonus babysitter e congedi

Sanità

Il sistema sanitario italiano ha bisogno di personale medico, dirigenziale e non, sia nelle strutture sanitarie pubbliche che nell’Esercito. Il governo sta quindi provvedendo ad assunzioni e arruolamenti in emergenza. L’emergenza potrebbe richiedere di requisire strutture private per utilizzarle a scopo sanitario.

Sanità: assunzioni, arruolamenti e requisizioni contro il virus