Ci sono passi avanti sulla digitalizzazione. Il problema è che sono piccoli in una regione (e in un Paese) che dovrebbe correre per recuperare. L’ennesima conferma arriva PMI Digital Index 2020, l’indice con il quale GoDaddy e Alkemy misurano la digitalizzazione delle piccole e medie imprese italiane. Il punteggio medio è stato di 56 su 100, “lievemente aumentato rispetto allo scorso anno” ma “ancora insufficiente”, spiega il rapporto. All’interno dello scenario nazionale, ci sono regioni che si muovono più rapidamente e altre che rincorrono o perdono terreno. La Sicilia appartiene a queste ultime: è, assieme a Toscana e Abruzzo, quella che registra il punteggio più basso. Lo scorso anno in fondo alla classifica c’erano Abruzzo, Liguria e Piemonte. Vuol dire quindi che le Pmi siciliane, pur migliorando alcuni indicatori, hanno perso terreno nei confronti delle altre regioni.

Sud: male utility e servizi

L’area geografica “sud e isole”, infatti, è passata dai 54,2 punti del 2019 ai 55,6 di quest’anno, rimanendo sotto la media nazionale, in linea con il Centro e poco meglio del Nord-Ovest. Le Pmi del Nord-Est sono invece le più mature dal punto di vista digitale, con 57,2 punti. Il ritardo di Sud e Isole è generalizzato, ma si avverte soprattutto nelle utility: le Pmi del settore raggiungono appena i 50 punti. L’area è in fondo alla classifica anche nella digitalizzazione nei servizi, mentre – rispetto alle altre zone del Paese – si difendono meglio Industria e Construzioni. A livello regionale, le capofila sono Friuli-Venezia Giulia, Puglia, Emilia-Romagna e Marche. Nel complesso i risultati sono comunque deludenti. Guardando oltre la media, basta dire che le Pmi sotto i 40 punti (il 16% del campione) sono più di quelle che superano gli 80 (il 14%).

Cosa vuol dire “digitalizzazione”

La “digitalizzazione” è un argomento ampio. Meglio allora specificare cosa intende GoDaddy con questo termine. L’analisi è stata svolta su 4 mila imprese e ha preso in considerazione 120 parametri raggruppati in tre dimensioni principali: Digital Presence Quality (gli aspetti tecnici della presenza online delle imprese), Reputation Index (la popolarità digitale dell’azienda) e Digital Marketing Index (le azioni di visibilità digitale messe in atto dall’azienda). Per fare qualche esempio concreto: sono stati valutati aggiornamento del sito, ottimizzazione mobile, capacità tecnica, sfruttamento dei social, marketing digitale, presenza locale e analisi dei dati. L’indagine è quindi più focalizzata sull’utilizzo degli strumenti digitali a contatto con il pubblico piuttosto che quelli capaci di migliorare i processi interni. C’è da dire, però, che le due cose (che siano incluse o meno in questa indagine) spesso si accompagnano.

Leggi anche – Cooperative Ict: numerose al Sud, più produttive al Nord

L’accelerazione durante il lockdown

Tra le altre cose, il PMI Digital Index 2020 ha evidenziato che solo il 41% delle micro aziende è presente online con un sito web “vetrina” rilevabile tramite i motori di ricerca. Di queste, solo una sua quattro riesce ad attrarre volumi di traffico rilevanti sul proprio sito web. E l’idea di “rilevante” di GoDaddy non è stata certo severa: la soglia individuata è stat adi 500 visite al mese. Nonostante il basso grado di digitalizzazione, queste imprese – afferma il rapporto – hanno avuto una “buona capacità di reagire al lockdown”. Circa un quinto delle attività ha esordito nella vendita online o nelle consegne a domicilio proprio durante la fase più acuta dell’epidemia. Che così si conferma, ancora una volta, un acceleratore digitale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui