Il decreto Rilancio si avvia a diventare legge. Dopo il passaggio in commissione e quello alla Camera, dovrebbe essere lasciato intonso al Senato per evitare di sforare i limiti di conversione (che scadono il 18 luglio). Il provvedimento prevede una serie di proroghe ed estensioni, a partire da cassa integrazione e reddito di emergenza. Stanziate risorse a fondo perduto per i settori più colpiti dalla crisi. Esteso il superbonus per l’efficientamento energetico. Assunzione e concorsi in arrivo nel settore sanitario. In alcuni casi gli interventi sono corposi, in altri l’esigenza di coprire esigenze diverse fa ricadere a terra poco più che spiccioli.

Casa, auto, concerti: i bonus

Superbonus per le seconde case – Il superbonus al 110 per cento sugli interventi di efficientamento energetico e messa in sicurezza viene esteso alle secondo case unifamiliari, al terzo settore e alle associazioni e società sportive dilettantistiche per le ristrutturazioni degli spogliatoi. Restano escluse le abitazioni più lussuose, le ville e i castelli. Sono ammessi all’agevolazione anche gli interventi di demolizione e ricostruzione. Il superbonus viene inoltre esteso fino al 30 giugno 2022, ma solo per gli interventi di efficienza energetica per le case di edilizia popolare. Novità anche nelle procedure: non vi sono limiti al numero di cessioni del superbonus (quindi si può cedere a diverse ditte) e si può optare per la cessione del credito d’imposta a ogni stato di avanzamento dei lavori. Lo sconto in fattura può essere applicato da più fornitori che eseguono gli interventi.

Bonus auto – Dal primo gennaio al 31 dicembre 2020, chi acquista un veicolo ibrido o elettrico nuovo e ne rottama uno che ha più di dieci anni avrà un bonus di 2 mila euro. Si riduce a 1.500 euro per l’acquisto di un Euro 6 (che può essere anche diesel o benzina). Si scente, rispettivamente, a mille e a 750 euro per chi acquista senza rottamazione.

Bonus moto elettriche – L’elettrico viene spinto anche uno sconto del 30 per cento (con un tetto di 3 mila euro) per chi acquista una moto elettrica o ibrida. Diventa il 40 per cento (fino a 4 mila euro) in caso di rottamazione di un veicolo da euro 0 a euro 3.

Viaggi e concerti – Viene ammorbidita la formula dei voucher in caso di spettacoli o viaggi saltati a causa del coronavirus fino al 30 settembre. Il voucher durerà 18 mesi, al termine dei quali verrà rimborsato. Lo stesso vale per i biglietti dei concerti, ma solo se se non saranno riprogrammati entro un anno e mezzo dalla cancellazione.

Lavoro: proroga per Cig, Rem e contratti a termine

Anticipo Cig e proroga Rem – Le imprese che hanno esaurito gli ammortizzatori sociali potranno usufruire subito di altre quattro settimane di cassa integrazione. Viene esteso il reddito di emergenza: sono prorogate dal 30 giugno al 31 luglio le domande per il reddito di emergenza. Il Rem può essere chiesto (fino al 30 settembre) anche dalle famiglie che occupano abusivamente un immobile in presenza di minori, malati malati gravi, portatori di handicap, in difficoltà economica e senza dimora. Prorogate dal 15 luglio al 15 agosto anche le richieste per le sanatorie lavoro nero e immigrati irregolari.

Contratti a termine prorogati – Lo hanno certificato i dati dell’Istat: a risentire per primi del calo dell’occupazione sono stati i precari, non protetti dal blocco dei licenziamenti. La legge Rilancio interviene prorogando i contratti a termine, anche in somministrazione, o di apprendistato per un periodo equivalente alla sospensione dell’attività a causa del Covid. Per i lavoro in somministrazione saranno anche bloccati i licenziamenti.

Pa, Smart working fino a fine anno – Lo smart working nelle pubbliche amministrazioni viene prorogato fino al 31 dicembre. Non per tutti, ma per il 50 per cento dei dipendenti che svolgono attività eseguibili da remoto. Entro il 31 dicembre di ciascun anno, le Pa dovranno stilare un piano per il lavoro agile che dovrà dare la possibilità (su propria scelta) di lavorare in smart working almeno al 60 per cento dei dipendenti.

Agricoltura, in arrivo 600 milioni – Son destinati 426 milioni all’esonero per i primi sei mesi 2020 dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dalle imprese alle filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche, vitivinicole, dell’allevamento, dell’ippicoltura, della pesca e dell’acquacoltura. Altri 90 milioni finanziano un Fondo d’emergenza a supporto del settore zootecnico. Trenta milioni per la cambiale agraria, con l’obiettivo di supportare la liquidità delle imprese. Altri 30 milioni per il Fondo di solidarietà nazionale. Ai pescatori autonomi spetta un’indennità di 950 euro, per un ammontare complessivo di 4 milioni.

Famiglie: stop agli sfratti e congedi estesi

Blocco sfratti fino a fine anno – Il blocco degli sfratti viene prorogato dal primo settembre al 31 dicembre 2020. Vale sia per gli immobili ad uso abitativo sia per quelli che non lo sono.

Congedo straordinario fino al 31 agosto – Viene esteso dal 31 luglio al 31 agosto il periodo di congedo straordinario, che può essere richiesto dai genitori con un bambino fino a 12 anni e siano dipendenti privati. Spetta loro una retribuzione al 50 per cento.

Pensione di invalidità a 516 euro – Le pensioni di invalidità raddoppiano, raggiungendo i 516 euro mensili.

Carte d’identità fino al 31 dicembre – La validità delle carte d’identità scadute viene prorogata. Dal 31 agosto, il documento resterà efficace fino alla fine del 2020.

Sconto sui tributi se si paga con Rid – I comuni potranno (ma non dovranno) concedere uno sconto del 20 per cento sui tributi locali (come l’Imu) se il contribuente paga utilizzando l’addebito diretto su conto corrente.

Leggi anche – Piano Colao: spiagge siciliane “non sfruttate”

Imprese: fondi e agevolazione per i settori in crisi

Matrimoni, cinque milioni a fondo perduto – Tra le filiere più colpite c’è stata quella dei matrimoni, praticamente azzerata. Arrivano 5 milioni a fondo perduto per sostenere le imprese del settore. Sarà data priorità a quelle che dimostrino di aver perso almeno il 50 per cento del proprio fatturato rispetto al 2019.

Fiere, altri 30 milioni di credito d’imposta – Il credito d’imposta del 30 per cento, destinato alle imprese per la mancata partecipazione alle fiere saltata causa Covid, viene sostenuto con lo stanziamento di altri 30 milioni.

Sgravi per le case vacanza – Il credito d’imposta al 60 per cento per le spese sostenute nel 2020 per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione viene estesa dagli alberghi alle strutture registrate come case vacanza e immobili destinati alle locazioni brevi.

Dieci milioni contro l’usura – La legge stanzia dieci milioni di euro destinati al Fondo di prevenzione dell’usura. Altri quattro milioni finanziano il Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive. E tre milioni vanno al Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso, delle richieste estorsive, dell’usura e dei reati intenzionali violenti. Stanziati altri tre milioni per il Fondo per il reddito di libertà delle donne vittime di violenza.

Tessile e moda: cinque milioni a fondo perduto – Saranno erogati contributi a fondo perduto, fino a 5 milioni di euro nel 2020 e fino al 50 per cento delle spese ammissibili. Altri 45 milioni sono stanziati come credito d’imposta, con importi massimi pari al 30 per cento del valore delle rimanenze finali di magazzino eccedenti la media dello stesso valore registrato nei tre periodi d’imposta precedenti. In pratica una sconto in proporzione all’invenduto.

Spiagge, proroga delle concessioni demaniali – Prorogate al 2033 le concessioni demaniali sulle spiagge. La misura era prevista dalla legge di Bilancio 2019, ma comuni e regioni si erano mossi in ritardo o non avevano applicato la norma. Il parlamento interviene dall’alto, impedendo agli amministratori locali di mettere mano alle concessioni demaniali.

Stop alla tassa sul suolo pubblico – Sospesa per due mesi (marzo e aprile) la tassa sul suolo pubblico per i commerciali. Saranno rimborsi coloro i quali hanno già pagato. La misura è pensata per dare spazio alle attività (soprattutto ai ristoratori), obbligate a ridurre i coperti interni. I comuni potranno estendere la sospensione, attingendo da un fondo di 12,5 milioni di euro dedicato proprio a bilanciare il mancato gettito.

Cooperative figlie della crisi: 15 milioni – In arrivo 15 milioni di euro nel 2020 al Fondo per la crescita sostenibile da destinare all’erogazione di finanziamenti agevolati per la costituzione di nuove imprese, nelle forme di società o società cooperativa, da parte di lavoratori di imprese in crisi o provenienti da imprese in crisi, nonché per la promozione e lo sviluppo di società cooperative che gestiscono aziende confiscate alla criminalità organizzata e di cooperative sociali per la salvaguardia dei livelli di occupazione.

Pos, coperture per dieci milioni – Varato un fondo da dieci milioni per compensare (almeno parzialmente) i commercianti dei costi sostenute per le commissioni dovute per i pagamenti effettuati con carte di credito. La misura è attiva fino al 31 dicembre 2020.

Durc valido fino a ottobre – I Durc, i documenti unici di regolarità contributiva, restano validi fino al 31 ottobre, così come previsto dalla legge di conversione del Cura Italia.

Leggi anche – Edilizia: in dieci anni persi la metà dei lavoratori. Aumentano gli irregolari

Scuola e istruzione: meno alunni in classe

Meno alunni in classe – Nel prossimo anno scolastico sarà possibile derogare al numero minimo e massimo di alunni per classe previsto. Ci potranno (ma non è un obbligo) essere classi con meno di 15 alunni, per venire incontro alle esigenze di distanziamento e alla possibilità di frammentare gli orari.

Lezioni di musica: bonus da 200 euro – I nuclei familiari con Isee inferiore a 30 mila euro potranno ricevere un contributo da 200 euro per le lezioni di musica dei figli under 16.

Fondi raddoppiati per asili e scuole paritarie – I fondi per le scuole paritarie arrivano a 120 milioni. Altri 180 milioni sono destinati alle scuole dell’infanzia.

Universitari, treni e musei gratis – Gli studenti universitari potranno scegliere un mese del 2020 nel quale non pagheranno i biglietti dei treni o per accedere ai musei.

Carta cultura, 15 milioni – Il Fondo della Carta della cultura, lo strumento che permette di acquistare libri e attività culturali, viene rimpinguato con altri 15 milioni fino alla fine dell’anno.

Leggi anche – Mise, ecco i comuni che riceveranno contributi a fondo perduto

Sanità: assunzioni e bonus

Bonus per medici e infermieri – Medici e infermieri impiegati nelle terapie intensive riceveranno un bonus fino a 2 mila euro, in proporzione al servizio svolto durante l’emergenza.

Precari assunti e nuovi concorsi – I precari in servizio presso il Servizio sanitario nazionale da almeno tre anni (al 31 dicembre 2020) verranno assunti. I tre anni possono anche non essere continuativi ma esauriti nel corsi degli utili otto anni. Le legge prevede la possibilità di nuovi concorsi per assumere infermieri generici, puericultrici, assistenti d’infanzia, ausiliari socio sanitari, programmatori e assistenti amministrativi.

Crediti formativi automatici e borse di studio – I medici e tutti i professionisti sanitari che hanno continuato a svolgere la propria attività professionale nel periodo dell’emergenza Covid-19 hanno maturato automaticamente un terzo dei crediti formativi richiesti per il triennio 2020-2022. Dal 2021 saranno accantonati 20 milioni di euro l’anno annui per “attivare ulteriori borse di studio per i medici che partecipano ai corsi di formazione specifica in medicina generale” e per “concorrere al finanziamento delle spese di organizzazione dei corsi di formazione specifica di medicina generale”.

Specializzandi, stanziati 128 milioni – Lo stanziamento di 128 milioni per il quadriennio 2022-2026 punta ad aumentare il numero di contratti di formazione specialistica dei medici.

Corsia preferenziale per i parenti delle vittime – I parenti di medici, operatori sanitari, infermieri, farmacisti, operatori socio-sanitari rimasti gravemente invalidi o vittime del Covid-19 avranno una corsia preferenziale verso l’assunzione. Viene, in sostanza, applicato lo stesso meccanismo riservato a coniugi e figli delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui