Le banche premono sempre più il piede “sull’acceleratore” della digitalizzazione e dello sviluppo dei mezzi di pagamento elettronici (divenuti quasi indispensabili in tempi di Covid-19), e in maniera direttamente proporzionale aumenta il rischio di furto dei dati sensibili e di truffe informatiche.

Fabi rilancia l’allarme sicurezza

E la Fabi di Palermo, a seguito anche delle numerose segnalazioni raccolte dai propri sindacalisti presenti sul territorio di Palermo e Provincia, rilancia con forza l’allarme sicurezza invitando le banche a focalizzare l’attenzione sul furto di dati e sulle frodi informatiche alla luce anche dei recenti episodi di cronaca e invita ad aumentare gli investimenti in sicurezza digitale. E’ di pochissimi giorni fa la scoperta degli illeciti compiuti da alcuni dipendenti TIM e di altri malintenzionati che, introducendosi nelle banche dati dell’operatore, entravano in possesso di informazioni sensibili sui clienti che lamentavano disservizi con l’obiettivo di rivenderle a call center.

Rischio per i clienti, penalità per le banche

“Questo tipo di reati è sempre più diffuso ed espone gli utenti a truffe informatiche molto sofisticate – afferma Gabriele Urzi’ Segretario Provinciale Fabi Palermo e responsabile di Salute e Sicurezza Fabi Palermo – in quanto proprio le utenze mobili, unitamente alle e-mail, sono il veicolo privilegiato utilizzato dai pirati informatici. L’ultima truffa in ordine di tempo, è stata perpetrata ai danni dei clienti della Bnl, raggiunti da un SMS o da una mail contenente l’invito ad aggiornare la propria scheda anagrafica e l’anticipazione di una chiamata del servizio di assistenza ai clienti mirato a confermare la corretta compilazione dei propri dati. La comunicazione sollecitava il cliente a collegarsi ad un sito che sembrava corrispondere ad una pagina creata appositamente dalla banca con l’obiettivo di gestire i dati personali degli utenti dei propri servizi. È successo anche con altre banche e i criminali informatici creano un clone dell’ambiente digitale della Banca, fedele all’originale, determinando una falsa situazione di sicurezza nel malcapitato cliente a cui vengono richiesti “numero cliente” e il codice “PIN” per accedere ai servizi e al quale sembra che tutto si svolga con assoluta normalità. Le banche devono investire massicciamente nella cyber security rivedendo costantemente le proprie procedure, anche perché si espongono a pesanti penalità. ”

Il caso Unicredit

Recentemente Unicredit è stata oggetto di una sanzione di 600 mila euro per gli accessi abusivi ai dati personali di oltre 700 mila clienti, avvenuti tra aprile 2016 e luglio 2017. La violazione era stata comunicata al Garante dalla stessa banca a fine luglio 2017. L’ingresso non autorizzato era avvenuto utilizzando le credenziali di alcuni dipendenti di Penta Finanziamenti Italia – un partner commerciale esterno – attraverso un’applicazione, denominata “Speedy Arena”, che consentiva la gestione delle richieste di finanziamento relative, in particolare, alla cessione del quinto dello stipendio.

1 commento

  1. Necessità diffondere capillarmente ai clienti delle banche e/o di società che amministrano il credito per conto terzi, che non chiederanno assolutamente mai aggiornamenti su dati sensibili.Men che meno il PIN. Inoltre, in casi di dubbie richieste in discorso, è consigliabile se non forse necessario contattare il proprio gestore del rapporto per le vie brevi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui