Quattordici uffici postali chiuderanno in Sicilia: cinque a Messina, altrettanti a Palermo, due a Catania e Siracusa. Nove sedi non avranno più il doppio turno, ma nessuno perderà il proprio posto di lavoro, né accederà agli ammortizzatori sociali. I dipendenti saranno ricollocati nelle sedi vicine. È quanto prevede il piano di Poste Italiane, che coinvolge ottanta uffici sull’intero territorio nazionale.

Il caso Messina

La Sicilia, assieme alla Lombardia, è la regione dove verrano chiusi più uffici: quattordici. Ma si tratta di uno su 56. Messina e Palermo, con cinque sedi in meno, sono tra le città in cima alla graduatoria. Ma non sono casi isolati. Cinque sono anche le chiusure a Roma e Napoli, quattro a Bologna, Padova, Torino e Verona. A Genova e Milano se ne prevedono di più: sette nel capoluogo ligure, otto in quello lombardo. Sul caso di Messina è intervenuto con una nota il vice direttore generale di Poste Italiane Giuseppe Lasco: “Il piano di interventi è frutto di una continua interlocuzione con le strutture centrali e locali dello Stato”. E in città restano “cinquanta uffici postali e 32 Atm Postamat”.

Gli uffici chiudono, i problemi restano

“La cosa buona – ha spiegato a FocuSicilia Pippo Di Guardo, della Slc Cgil – è che non ci sono licenziamenti”. I lavoratori delle sedi chiuse saranno “destinati al rafforzamento” di quelle che rimarranno aperte. Tuttavia, sottolinea Di Guardo, rimpolpare il personale di alcuni uffici “attenuerà ma non risolverà le carenze strutturali”. I sindacati siciliani denunciano da tempo “diminuzione delle risorse e carenza di personale”, tanto da aver varato uno sciopero delle prestazioni straordinarie e aggiuntive dal 23 settembre al 16 ottobre. La protesta si rivolge quindi a un alto punto e non ha nulla a che veder con le attuali chiusure.

L’elenco delle chiusure

Gli uffici postali che chiuderanno a Catania sono quelli di viale Vittorio Veneto e via Giuseppe Carnazza Amari. A Messina serrande abbassate per la sede di via Nicola Fabrizi, via Pietro Castelli; per quella di via San Marco (nella frazione di Mili San Marco), via Consolare Pompea (a Pace), e via San Nicolò (a Santo Stefano di Briga). Le due chiusure di Siracusa riguardano gli uffici di via dei Santi Coronati e via Trieste. Mentre a Palermo cesseranno l’attività le Poste di via Mondello, Piazza Santo Spirito, piazza Don Luigi Sturzo, via dei Cantieri e via Emiro Giafar. Come si nota dall’elenco, non sono coinvolti presidi di zone poco battute. Dei 390 comuni siciliani che ospitano un ufficio postale, le chiusure si concentrano attorno a quattro capoluoghi. Cioè in città dove non si creeranno buchi. Poste ha assicurato che “il piano di rimodulazione definito per l’anno in corso interessa esclusivamente i grandi centri urbani nei quali sono presenti decine o centinaia di uffici postali e tiene conto della presenza di uffici limitrofi entro tre chilometri”. Tradotto: saranno chiusi quelli che ne hanno altri a qualche centinaio di metri di distanza. “Non abbiamo chiuso e non chiuderemo nessun ufficio nelle comunità meno densamente abitate”, ha sottolineato Giuseppe Lasco. La rete, in sostanza, perde qualche maglia ma resta fitta.

Leggi anche Disoccupazione ai minimi dal 2011. Ma c’è poco da festeggiare

Dove salta il doppio turno

Agli uffici chiusi vanno aggiunti i nove dove verrà disattivato il doppio turno. Ci saranno quindi meno ore per andare allo sportello. Anche in questo caso, la Sicilia è tra le regioni più colpite: solo la Toscana ha più sedi coinvolte. In Sicilia poste aperte solo al mattino in via Giuseppe Pitrè a Niscemi, via Vespri a Valderice, corso Sicilia a Catania, via Viola a Enna, Piazza Guglielmo II a Monreale. E in quattro uffici a Palermo: quelli di via Lussemburgo, via Giuseppe di Vittorio, piazza Natale Tommaso e via Pergusa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui